menu Home chevron_right
La Penna di Ariel

Il mantello


Le getto addosso il mio mantello e mi nascondo in modo tale da non perderla di vista ma, soprattutto, senza che lei noti la mia presenza. Provo un sottile piacere quando vedo che interrompe tutto ciò che stava facendo prima del mio arrivo. D’un tratto, la vedo divincolarsi sotto le pieghe del mio mantello; più passa il tempo, più si sente indifesa e sola, e più i suoi movimenti si fanno scoordinati, mentre il suo respiro diviene affannoso.
Improvvisamente, sento dei passi avvicinarsi nella sua direzione. Il suo respiro, lentamente, si placa, il suo corpo riprende lentezza e lei riesce a trovare un modo per squarciare il mio mantello affacciandosi così alla luce. Ora mi è chiaro che, anche questa volta sono stata sconfitta. Eppure mi ritengo fortunata: sono riuscita a giocarmela, anche se per pochi minuti. Ci sono occasioni in cui, invece,
quando arrivo, con lei c’è già qualcuno pronto ad abbracciarla. Ed allora nemmeno ci provo ad avvicinarla. Il Mantello della Paura, infatti, è troppo corto per avvolgere due Corpi vicini tra loro.

Written by Loretta Del Tedesco


  • Adesso Online

    Musica classica

    Go To Show
  • On Air
    Listen on Online Radio Box! Ghiro Web RadioGhiro Web Radio
  • Contatta WCN con Whatsapp
    In contatto con WCN
  • Media Partner
  • Eventi



  • play_circle_filled

    Ghiro Web Radio
    Musica tra sogno e realtà

play_arrow skip_previous skip_next volume_down
playlist_play